martedì 29 gennaio 2013

*-* Allegria portami via *-*

Ed ecco che mi è ritornata la febbre. E' una delle poche cose su cui posso contare seriamente.Questo mese mi è già venuta a trovare per ben due volte... Se non è amore questo!
La scorsa settimana tra la visita della mia carissima amica febbre detta anche 38 e un raffreddore assurdo che si è portata via la mia voce insieme alla mia capacità gustativa, ho avuto poco tempo per studiare,poco tempo per gli esercizi di ginnastica, insomma poco tempo per tutto.

Ho preso però delle decisioni che voglio condividere.

Ho deciso di mettermi seriamente a dieta, voglio perdere quei 13 kg che mi fanno sentire un po' goffa. Mi piace la forma alla JLo che ha preso il mio corpo però se si potesse levigare questa forma sarebbe anche meglio. Ogni settimana voglio perdere almeno 500gr e come si dice chi va piano va sano e va lontano. Non mangio pane, non mangio dolci, bevo abbastanza acqua e cerco di fare movimento anche se tra influenza, esame in vista tutto si complica ma va bene. In fondo ho solo 20 anni e tutta una vita davanti.

Esami. Beh l'esame è tra meno di un mese e mi manca ancora una buona parte del libro ma non voglio buttarmi a terra, ce la devo fare. Spero solo di non venire bocciata... Giurisprudenza è un misto di memoria e intelligenza e devo ammettere che entrambe le caratteristiche che mi contraddistinguevano in passato adesso sono un po' in letargo ma anche questo va bene, devo ricominciare ad allenarle. Pian pianino...

Sul fronte amicizie invece ecco ch sorprendentemente sono tranquilla. Sto iniziando a non sentire la mancanza di nessuno,mi sto concentrando sullo studio,sulla dieta e sul prossimo punto che tratterò. Non controllo più il telefono sperando nel messaggio di qualcuno.Anche Lui mi manca meno, forse ho fatto proprio bene a rivederlo. Forse sono davvero più forte di quanto credo...

Ho deciso di iniziare a fare ricostruzioni unghie. Beh la verità è che mia madre mi ha quasi "costretto". Lei adora queste cose ma con la crisi che c'è spendere 25 euro ogni quindici giorni non è proprio il massimo. Così ho seguito un corso intensivo da mia zia che vanta ben 10 anni di esperienza nel settore e ho iniziato, ma ancora non so se mi metterò in proprio anche se qualche richiesta l'ho ricevuta.
Sono sempre stata un po' matta ma non pensavo di essere una matta artistica. Invece mi piace. Mi piace decorare le unghie, pensare sempre a nail arts nuove e diverse dalle solite. Mi piace sperimentare. In più ho appena scoperto il Cernit e la panna siliconica quindi mi sento un po' gasata. Adoro modellare, dare vita. C'è della magia in questo processo. Pensi a qualcosa, lo disegni, poi basta prendere il cernit, modellarlo et voilà  prende magicamenti vita. Orecchini, collane, pendenti, cover per cellulari,decorazioni per qualsiasi oggetto.E' un mondo magico. Per adesso ho avuto poco tempo per dedicarmi a qauesto nuovo hobby per via dell'esame che da adesso in poi verrà sempre prima di tutto,ma mi sono ripromessa che riuscirò a diventare bravissima.

The last but not the list è sicuramente PLL.
Pretty Little Liars è uno dei telefilm più belli che io abbia mai visto in tutta la mia vita. E' incasinato, complicato, dubbioso,oscuro, ingarbugliatoma così tanto che finisce per ingarbugliarti pure il cervello. Teorie su teorie. Non c'è scelta, ti prende o ti prende. Chissà forse scriverò anche qualche teoria in seguito... Per adesso devo proprio tornare a studiare. La nuova Lunatica pensa prima allo studio...
*--*  :-*  *--*

martedì 15 gennaio 2013

C'è posta per... Me?

L'altro giorno dopo aver ripetuto per non so quanto tempo sentenza 203/1989, legge numero 127/1997, art della Costituzione, principio di separazione dei poteri ho deciso di accendere la televisione. Dopo il consueto zapping un programma ha attirato la mia attenzione. Canale 26 del digitale terrestre, il programma si chiama Mi ha lasciato.. cambio vita! . Lo riassumo in poche parole. Una donna era stata lasciata dal suo ragazzo (con cui avrebbe dovuto sposarsi) ed è sprofondata nella depressione più nera. Non usciva più, aveva paura degli uomini, delle persone, si sentiva brutta e non si curava più. Alzi la mano chi si è sentito così almeno una volta nella sua vita... Solo io?

Comunque lei, attraverso l'aiuto di ehm.. diciamo "esperti", riesce a riprendere possesso della sua vita. Premesso che prendo questo programma per quello che è, un semplice intrattenimento però devo ammettere che qualcosa di questo programma non fa che assillarmi da quando l'ho visto. Per riportare la giovane abbandonata alla realtà, uno dei trainers le suggerisce di scriversi una lettera per osservarsi da fuori e rendersi conto che non può più andare avanti così. Ho pensato che sarebbe una bella idea scrivere una lettera da destinare a me stessa e da leggere quando la motivazione inizierà a scemare. Però voglio lavorarci bene, deve essere una lettera vera, sincera, pura, obiettiva e piena di amore per me stessa.

La ragazza in questione mandava anche un sms al bell'imbusto che l'ha mollata. Avrei voluto farlo anche io ma non posso. Dopo la separazione ho mandato a Lui un messaggio senza mai ricevere risposta. Mi sarebbe piaciuto potergli dire tutto quello che non gli ho mai detto... Se fossimo in un mondo civile non avrei problemi a farlo ma purtroppo non è così. Ormai ci siamo abituati a prendere ciò che ci serve dalla persone senza considerare i loro sentimenti. Chiedo scusa, non volevo generalizzare. Un giorno parlerò anche di lui ma non adesso. Non sono ancora pronta...

lunedì 14 gennaio 2013

Meglio sola che male accompagnata

Stamattina quando mi sono svegliata avrei voluto scrivere qualcosa di positivo. Qualcosa dal titolo scemo e banale del tipo Tira fuori il positivo dal negativo e simili. La fine della giornata però si è rivelata diversa. Progressi nello studio zero e inizio seriamente a dubitare che riuscirò a presentarmi. Ancora una volta... Non posso permetterlo. Non voglio e non posso permetterlo.

Il problema è che certe situazioni mi succhiano le energie e mi fanno sentire inutile ed incompetente. Perchè non posso essere una ragazza normale che normalmente frequenta l'università, prepara, sostiene e supera gli esami? Non dovrei lamentarmi così tanto. Mi ritengo fortunata ad avere due genitori, un tetto sulla testa e la salute. Però non riesco a non pensare che deve esserci qualcosa per cui non riesco a mantenere una relazione stabile, seria, su cui poter contare quando tutto fa schfo. Non posso non pensare a tutte quelle persone con cui ho condiviso momenti della mia vita e che oggi non mi salutano nemmeno. E non ne conosco nemmeno il motivo per la maggior parte. Non capisco perchè tutti mi abbandonano sempre. R,O, E, V, G, F, LUI, A, D, L, G. L'elenco è tristemente lungo. E non conosco nemmeno un motivo che ha condotto alla separazione. Ammetto di avere un'idea dell'amicizia abbastanza rigida e forse questo mi porta ad essere esigente.

Per me un amico deve sostenerti, aiutarti, deve farsi aiutare e farsi sostenere, condividere gioie e dolori, non ti deve giudicare anche quando continui ad amare la persona che ti ha quasi ucciso l'anima e il cuore, deve ridere con te ed essere sempre presente (ovviamente nei limitiXD). Un amico deve uscire con te, deve pensarti e capirti, distrarti. In tutti loro io ho cercato questo e non l'ho mai trovato. Mi hanno mentito, nascosto delle cose importanti e messa da parte. Come potevo anche solo pensare di cedere, come potevo anche solo pensare di accettare il compromesso? No, io non sono fatta così. Preferisco stare sola piuttosto che con persone con cui mi sento sola. Alcuni sono semplicemente spariti senza un vero motivo, da un giorno all'altro hanno smesso di mandare sms o hanno smesso di rispondere ai miei, o si sono accidentalmente scordati di salutarmi quando ci trovavamo faccia a faccia. Eppure guardando ciò che hanno adesso non posso fare a meno di pensare che quella con le ossa rotte e il cuore spezzato sono sempre io. Possibile che chi fa del male non paga mai?

Sì, ok sono un po' troppo vendicativa ma io vorrei giustizia per chi ama. Altrimenti tocca smetterla di fidarsi delle persone. Altrimenti tocca chiudersi dentro la stanza. Tu sola dentro la stanza e tutto il mondo fuori, anche se il senso di Vasco forse era un tantino diverso...

sabato 12 gennaio 2013

Non mi vergogno più..

Ed ecco che un altro sabato passa così, senza infamia e senza lode. Tra quelle piccole gioie culinarie che mi concedo solo il sabato, interrompendo così quella specie di dieta che mi sono imposta perchè non mi piace il mio aspetto estetico. Sembra una frase stupida ma gli eventi degli ultimi giorni mi hanno insegnato che dietro si nasconde un enorme significato.

Perchè in fondo, se non siamo noi i primi ad amarci chi può farlo? Non appena ho realizzato questo piccolo ma fondamentale passaggio tutto mi si è schiarito. Tutto tutto forse no però ho capito che non voglio più mortificarmi, non voglio più vergognarmi del mio corpo perchè non solo è una cosa triste ma è anche orribile. Io mi vergogno di me, del mio corpo. Detta in questo modo la faccenda assume tutto un altro sapore. Ed è un sapore amaro come il fiele. Sono una persona onesta, generosa, piena di amore che non vedo l'ora di donare. Non dovrei vergognarmi di avere centimentri in più sul giro coscia, sui fianchi o non so dove. Non dovrei permettere a nessuno di intaccare l'opinione che ho di me. Lui che mi ha mentito e che ha preso in giro i miei sentimenti dovrebbe vergognarsi così tanto da non guardarsi più allo specchio. Non io...


Forse sto guarendo. Forse sto iniziando a riprendermi. C'è ancora una lunga strada da percorrere e devo farlo con il mio aiuto perchè posso fidarmi solo di me stessa...

giovedì 10 gennaio 2013

Cosa fare quando tutto va a rotoli?


E' buffo ma da quasi due anni non riesco a darmi una risposta che sia concreta, seria, realizzabile. Per questo sono quì, ancora ferma a nemmeno metà del cammino che devo percorrere. Il tratto appena percorso mi ha lasciato molti segni più o meno visibili, ma le soddisfazioni ottenute non sono state in grado di curare questi segni che temo mi resteranno sulla pelle e sul cuore per tutta la vita. E mi ritrovo così, vent'anni vissuti la metà di quanto avrei dovuto fare. Forse se mi fossi riempita la testa di tante altre cose non mi troverei in questo casino. Forse... Avrei preferito dedicare il tempo a qualcosa che lo meritasse davvero, magari alla cura dei miei capelli o ad una di quelle diete orribili da fame oppure... Ma chi voglio prendere in giro. Se non avessi fatto quello che ho fatto non sarei io, non sarei la Lunatica che sono. Semplicemente dovrei fare pace con il mio passato e accettare il fatto che spesso commettiamo errori, che i sentimenti possono cambiare anche repentinamente e in modo apparentemente inspiegabile e che fa tutto parte della vita.

Oggi sarò ripetitiva ma sento di dover dire un'altra volta.. Ma chi voglio prendere in giro?!?!  Il problema delle situazioni disperate è che sono disperate, che cerchi disperatamente un appiglio che non trovi. Gli amici, quei pochi che rimangono, spesso non sono abbastanza, come nel mio caso,  e gli impegni passano in secondo piano. Io infatti sto con il libro di diritto costituzionale davanti da un anno senza mai essere riuscita a finirlo. Magari presentarmi una volta per tutte mi riporterebbe alla realtà, mi strapperebbe da quell'universo fatto di continui ricordi di lui, di me e di come sarebbero dovute andare le cose. Invece non lo faccio... Non ho il coraggio?

Paura? Ma come, non era uno dei miei buoni propositi per il 2013 superare le paure? Eppure all'incontro ci sono andata? Io non so più chi sono, Lui si è portato via tutto quello che di buono c'era in me... Sto distruggendo il mio futuro dalle fondamenta  e lo sto facendo con le mie stesse mani non reagendo. Questi sono i danni provocati dalle bugie. Perchè mentire?

Le bugie sono solo distruttive e dolorose...

lunedì 7 gennaio 2013

Buoni propositi 2013

Come ogni anno ecco che diventa quasi necessario stilare una lista di buoni propositi da accompagnare ad un riassunto di quello che è successo durante tutto il 2012..

BUONI PROPOSITI:

- Riuscire finalmente a perdere quei chiletti che non mi fanno più entrare nei miei jeans preferiti.
Premesso che non mi piace il fatto di dover seguire una sorta di codice che ci obbliga ad essere tutte con gli stessi abiti, tutte con gli stessi capelli, tutte con le stesse borse e infine tutte con lo stesso corpo. Io non indosserò mai la taglia 42 e nemmeno vorrei però sono stanca di essere presa in giro perchè le mie cosce sono più rotonde della "norma", perchè io sono diversa rispetto alla massa,sia dentro che fuori. Ancora nel 2013 è mai possibile che le persone non hanno capito che una cattiveria detta così può anche portare qualcuno a suicidarsi?? Perchè non possono smettere tutti di farsi i fatti degli altri? I suicidi di giovani vittime di bullismo aumentano senza fermarsi e le persone non capiscono il male che fanno parlando senza cognizione di causa.

- Riuscire ad integrarmi all'università.

- Superare il blocco nei confronti del genere umano. Il mio periodo "NO" mi ha portato ad avere grossi problemi di socializzazione. Del tipo sociopatica agorafobica e chi più ne ha più ne metta. Stare in mezzo alle persone mi tinfastidisce e la situazione peggiora quando mi trovo in compagnia di ragazzi. Roba da matti... Prima sapevo parlare solo con loro... Grazie a LUI!

- Sviluppare il mio nuovo hobby delle crezioni in fimo/cernit. Potrei impazzire per quei piccoli oggettini che stimolano la mia creatività latente. Senza contare che si risparmia facendo i regalini, i regaletti per ogni ricorrenza.

- Credere di nuovo nell'amore...

Mi riservo di modificare tale lista in seguito...